Viking IT

Chi ha inventato il temperamatite?

Chi ha inventato il temperamatite?

Da bambini ne abbiamo fatto un uso smodato, temperando e temperando matite su matite finché non ne rimaneva un piccolo, inservibile moncone. Ma ripensandoci, l’essenzialità perfetta di un temperamatite da chi è stata ideata? Be’, anche per un oggetto apparentemente così banale c’è una lunga e curiosa storia da raccontare.

Intanto è bene sapere che le prime matite rudimentali cominciarono a circolare nel 1500, quando venne scoperto un giacimento di grafite a Borrowdale, in Inghilterra: erano un’anima di grafite avvolta in una cordicella, e solo dopo molto tempo si trovò il modo di inserire la grafite tra due bastoncini di legno. A quel punto c’era bisogno di ‘fare la punta’ alla matita, e il metodo più immediato era scalfire pezzettini di legno con un coltellino.

A metà Ottocento un francese di nome Bernard Lassimone realizzò il primo prototipo di temperamatite fatto con delle lame posizionate ad angolo retto dentro un cubetto di legno. Sempre un francese, Therry des Estwaux, pensò alla forma conica che conosciamo oggi, più o meno contemporaneamente a un americano di nome Walter K. Foster (i primi modelli Ottocenteschi si possono vedere sul sito di Office Museum).

Poi arrivò il vero inventore del temperamatite moderno, tale John Lee Love: era un afroamericano, e benché le notizie biografiche siano poche e incerte, pare fosse anche un grafomane stanco della fatica di dover continuamente fare la punta alle matite con il suo coltellino. È a lui che si deve l’invenzione della scatolina con dentro uno spazio conico in cui infilare la matita per temperarla con l’uso delle lame facendo in modo che gli scarti rimanessero all’interno del temperamatite.

Era il 23 novembre 1897 quando depositò il brevetto, vedendo riconosciuta l’originalità della sua invenzione e nacque ufficialmente il temperamatite come ancora lo conosciamo oggi.

Tag:
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+Share on LinkedIn

Comments are closed.