Viking IT

Le abitudini alimentari che aiutano la produttività in ufficio

Le abitudini alimentari che aiutano la produttività in ufficio

Noi tutti sappiamo che lavorare in ufficio o in uno studio, sotto livelli di stress magari molto intensi ed orari di lavoro sempre vari, può avere un certo impatto sulle nostre abitudini alimentari, in particolar modo se siamo obbligati a mangiare in fretta e davanti ad un pc. Sicuramente, quello che mangiamo ha una certa influenza anche su come lavoriamo e sui nostri livelli di produttività: infatti, la salute fisica e quella mentale sono strettamente correlate e danni provocati all’una delle due si ripercuotono sull’altra. Dormire abbastanza e fare attività fisica sono due abitudini essenziali per mantenere alto il nostro livello di produttività, ma a ciò non bisogna far mancare un’alimentazione adeguata. Tenendo questo in considerazione, è bene chiedersi cosa si può fare per evitare di abbandonarsi ad un’alimentazione fatta di panini e patatine fritte quando si è molto impegnati e si hanno orari di lavoro proibitivi. Qui di seguito troverete 10 trucchi per evitare di danneggiare la vostra alimentazione ed per aumentare la produttività in ufficio.

  1. Porta il pranzo da casa.

Sicuramente, la cosa più utile che può essere fatta da questo punto di vista è preparare il proprio pranzo a casa e portarlo al lavoro. Se risulta difficile e dispendioso in termini di tempo, potrebbe essere una soluzione portare in ufficio il Lunedì pranzo e spuntini per l’intera settimana, in modo da non doverlo fare tutti i giorni. Cibi quali yogurt, frutta e zuppe di verdure non hanno bisogno di una grande preparazione e possono essere riposte nel frigo dell’ufficio e mangiate quando si preferisce.

  1. Non saltare la colazione.

Molte ricerche negli anni hanno dimostrato che le persone che saltano la colazione tendono a vivere in media 2,5 anni in meno degli altri. Se a casa la situazione è troppo complicata al mattino e sei sempre in ritardo perchè hai troppe cose da fare, potrebbe essere un’idea fare la colazione al lavoro, con un frullato, della frutta o un bel bicchiere di latte. Mangiare cibo con una ridotta quantità di zuccheri consente una digestione più lenta, che fornisce quindi al corpo una costante riserva di energie fino all’ora di pranzo.

  1. Segna da qualche parte i motivi per cui mangiare sano.

Avere sempre sotto mano i motivi per cui si decide di fare qualcosa, è un ottimo modo per restare focalizzati. Per questo motivo, è una buona strategia da utilizzare quella di appuntare sulla propria agenda o su un post-it da tenere sulla scrivania le motivazioni che ci spingono a mangiare sano ed i benefici che ne traiamo.

Muro pieno di post-it gialli e blu

  1. Fai del tè il tuo principale alleato.

Il tè è una bevanda che può aiutare moltissimo a mantenere una dieta sana, anche perchè contiene antiossidanti ed è una bibita rinfrescante. Tenerne una confezione pronta per l’uso alla propria postazione è utile per evitare di lanciarsi su bibite meno salutari.

  1. Non mangiare alla tua postazione.

Se possibile, cerca di allontanarti dalla scrivania per la pausa pranzo e di andare in un posto in cui non verrai distratto/a da questioni lavorative. Le distrazioni di questo tipo portano a non concentrarsi sul pranzo stesso e, di conseguenza, a mangiare di più di quanto si dovrebbe. Andare via dalla tua postazione ti permetterà anche di fare una piccola passeggiata, tanto di guadagnato!

  1. Evita gli snack.

In molti casi, capiterà di essere invitati a dei meeting in cui snack di vario tipo vengono offerti ai partecipanti e che potrebbero minare il tuo regime alimentare. Per evitare che ciò accada, cerca di partecipare ad ogni riunione a stomaco pieno, magari mangiando un frutto od uno yogurt prima di prendervi parte, così da non sentire la necessità di lanciarti sugli snack. Se proprio non puoi fare a meno di unirti al “banchetto”, cerca almeno di condividere la tua porzione con qualcuno che si trova nella tua stessa situazione, in modo da limitare i danni ed, allo stesso tempo, non isolarti dal gruppo. Durante il pomeriggio, inoltre, evita di rifornirti al distributore di merendine e dolci e, se ti senti affamato/a, cerca di placare il tuo appetito con alimenti sani quali noci, frutta e formaggio. I cibi grassi tendono a favorire uno stato di apatia e fiacchezza, mentre gli zuccheri eccessivi producono un picco energetico, seguito però da un successivo crollo.

Piatto pieno di palline di cioccolata e una mano che fa il segno dello stop

  1. Non saltare il pranzo.

Evitare di mangiare non serve a nulla, se non ad impattare negativamente la nostra produttività. Piuttosto, è bene mangiare del cibo che ci permetta di rimanere concentrati ed in forze senza appesantire: i broccoli sono un ottimo esempio, così come frutta e verdura, carni bianche, formaggi magri e legumi. Alimenti importanti sono anche quelli contenenti Omega3, come noci e pesce, che aiutano a mantenere l’attenzione a lavoro. Tra l’altro, per mantenere costante la produttività, è bene mangiare poco e spesso, in modo da distribuire le energie in modo equo durante tutta la giornata e non arrivare affamati al pranzo o alla cena.

  1. Impara a dire di no.

Abbiamo tutti quel collega o quella collega che ci offe di continuo un dolce che ha preparato, i resti della torta di compleanno di suo figlio, la caramella che ha in borsa o i taralli che gli/le hanno inviato i parenti pugliesi. Bene, per quanto scortese possa sembrare, dobbiamo essere capaci di dire di no e rifiutare le sue continue provviste di cibo, se non vogliamo mandare all’aria tutti i nostri sforzi. Per fargli/le capire che non è una questione di maleducazione e non abbiamo niente contro di lui/lei, è bene spiegare il perchè, i nostri obiettivi e, perchè no, cercare di coinvolgerlo/a nel nostro percorso verso un’ alimentazione sana e produttiva.

  1. Non esagerare con il caffè

Quando ci si sente stanchi al lavoro, la prima soluzione sembra essere generalmente ripiegare su una tazzona di caffè, magari accompagnata da una spruzzata di polvere di cioccolato. È bene però ricordare che il caffè, così come i cibi ricchi di zuccheri, tende a darci un’impennata di energia, per poi provocare però un altrettanto rilevante calo. Ragion per cui, meglio limitarne le dosi.

Mano bianca con un segno rosso che dice Stop Caffeine

  1. Bevi molta acqua.

L’acqua è davvero un toccasana per il  nostro corpo ed è bene assumerne la giusta quantità per permettergli di funzionare bene. Bere un bicchiere d’acqua è anche un ottimo modo per scacciar via la fame tra i pasti ed evitare di imbottirci di spuntini.

E voi, che abitudini avete a livello alimentare in ufficio? Avete qualche consiglio da susggerire per aumentare la produttività e rimanere in forma? Raccontatecelo sulla nostra pagina Facebook Viking Italia.

Tag:, , ,
Un uomo mangia insalata, crackers e mela di fronte al computer
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+Share on LinkedIn

Comments are closed.