Viking IT

I 6 errori da non commettere in un nuovo posto di lavoro

I 6 errori da non commettere in un nuovo posto di lavoro

Il primo impiego non si scorda mai, e nemmeno il primo mese del primo impiego. Ma questi 6 errori da non commettere nei primi giorni presso un nuovo posto di lavoro non valgono solo per i neoassunti senza esperienza: anche chi proviene da altre aziende o uffici è bene che presti molta attenzione ai suoi comportamenti nei primi giorni a contatto con nuovi colleghi e/o capi.

Perché non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione, e perché i percorsi migliori son quelli che partono col piede giusto.

Prendersi delle ferie

Che sia il primo lavoro, o che sia un nuovo lavoro, si presume ci sia stato un po’ di tempo libero prima di cominciare, e non è il caso di preoccuparsi come prima cosa delle prossime vacanze. A meno che non siano state discusse e concordate per un motivo valido prima della firma del contratto. Al massimo, ecco come fingere di lavorare e farla franca.

Lamentarsi del nuovo capo con i nuovi colleghi

Detto che in generale è meglio tenere per sé certe valutazioni (anche se i pettegolezzi hanno i loro pro e contro), tuttavia prima di lasciarsi andare a commenti sul bosso meglio, molto meglio, prendere le misure ai nuovi colleghi: nella migliore delle ipotesi potrebbero farsi una cattiva idea di noi, nella peggiore spifferare tutto.

Parlar male del vecchio posto di lavoro

Banalmente: se lo fate ore potreste farlo anche in futuro. E chi vi circonda non ha proprio voglia di farsi biasimare a distanza. Potreste passare immediatamente nel novero dei peggiori colleghi di lavoro.

Sforare con la lista spese

Ok, avete il rimborso a pie’ di lista, ma insomma prima di andarci pesante meglio dimostrare di tenere alle casse aziendali. E in ogni caso sempre meglio informarsi sulle policy aziendali circa il noleggio di auto e le prenotazioni in albergo per missioni di lavoro.

Passare del tempo sui social network

Sì, una occhiata a Facebook dallo smartphone in pausa pranzo va anche bene, ma farsi beccare sul computer dell’ufficio a scrollare la bacheca Facebook no, proprio no. Anche se ci sono aziende in cui Facebook è entrato dalla porta principale come strumento di lavoro e collaborazione.

Fare dell’umorismo pesante

Ok, un po’ di umorismo e buonumore facilita i rapporti, ma meglio andarci piano, molto piano prima di andarci pesante: qualcuno che ancora non conoscete potrebbe risentirsi, e sarebbero problemi a non finire. Nel caso, ecco 5 modi per chiedere scusa quando si sbaglia al lavoro.

Tag:
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+Share on LinkedIn

Comments are closed.