Viking IT

La stanza da gioco de Il Trono di Spade

La stanza da gioco de Il Trono di Spade

Come abbiamo creato la nostra stanza del trono ispirata a Westeros.

Questa settimana abbiamo deciso di sorprendere il nostro staff con la creazione di una stanza ispirata al Trono di Spade, un modo per ringraziare il team per il loro duro lavoro.

Abbiamo approfittato di una sala conferenze inutilizzata e l’abbiamo trasformata senza che gli altri impiegati se ne accorgessero. La stanza racchiudeva diversi riferimenti nascosti collegati alla serie, come il corvo dai tre occhi, le uova di drago dorate realizzate con delle puntine colorate e più di venti vetrate ornate con riferimenti ai momenti salienti della saga fantasy.

Lungo il corso della nuova stagione, inviteremo chiunque voglia a prepararsi per gli ultimi episodi con un banchetto adatto per chiunque si sieda sul nostro Trono di cartone. Questa stanza inoltre rimarrà il luogo prescelto per discutere gli sviluppi della trama, in modo tale che nel resto dell’ufficio non vi sia il rischio di spoiler.

Qui com’era inizialmente la stanza:
Sala Riunioni (prima)

E qui come è diventata:
Sala Riunioni (dopo)

Ed ecco alcune delle immagini più significativi che rappresantano la nostra Games Room of Thrones:

Ping Pong

Carte

Freccette

Buffet

Il Trono

Abitanti

Abitanti

La stanza ha ovviamente avuto molto successo tra il nostro staff – ma voi che cosa ne pensate?
Se volete sapere di più su come abbiamo allestito la sala – e magari crearne una anche voi – vi spieghiamo qui sotto come abbiamo fatto.

Trasformare il posto di lavoro in Westeros

Abbiamo cominciato creando delle vetrate colorate ispirate ai nostri momenti preferiti della saga: dalla neve, ai sigilli delle principali dinastie di Westeros. Il Red Wedding e il Purple Wedding non potevano mancare!

Questi disegni sono stati inizialmente fatti a mano e poi scannerizzati e colorati a computer.

Red Wedding

Le finestre sono state fatte su misura e stampate su acetato per creare questo effetto a vetrata; infine sono state fissate usando il nastro adesivo. Considerando anche la parte inferiore delle finestre, abbiamo affisso ben sessanta pannelli.

Pannelli alle finestre

Alcuni del gruppo hanno lavorato tutta la notte per creare le vetrate. Bellissimo l’effetto che restituiscono al crepuscolo:

Vetrate terminate

Una volta pronte le finestre, abbiamo coperto le pareti di velluto. Abbiamo mescolato tonalità che richiamano colori medievali come il borgogna o il rosso, con tonalità regali come l’oro e il viola per l’ingresso.

Velluto alle pareti

Dopo aver sistemato il velluto, abbiamo completato la scenografia sistemando il tavolo da ping-pong, la tavolata per il banchetto e, usando del cartone, l’armeria. Successivamente, abbiamo predisposto l’area per le proiezioni e, infine, abbiamo aggiunto qualche altra decorazione.

Uova di Drago

Il banchetto

Armeria

Il vino avvelenato era, in realtà, non alcolico! Per ragioni di sicurezza le candele erano elettriche. Le uova di drago sono state realizzate in polistirolo e puntine colorate. In totale ne abbiamo usate circa 2500. Per guadagnare qualche punto in più, sapreste dire se ci siamo rifatti ai libri o alla serie per riprodurre le uova di drago?

Il gel doccia al lime è un ottimo sostituto dell’altofuoco!

Altofuoco

Una persona del nostro management ci ha gentilmente prestato questo corvo impagliato, perfetto per riprodurre il corvo con tre occhi.

Corvo con tre occhi

Testa di Ned

Ecco come la stanza è diventata ufficialmente Westeros.

Westeros

Banchetto finito

Abbiamo poi impiattato il cibo, decidendo che le cosce di pollo al barbecue sarebbero state di tutti i tipi a Westeros. Una volta pronto tutto, ci mancava solo d’indossare i costume e invitare gli ignari impiegati.

Vuoi scoprire di più? Puoi vedere qui sotto il video in time-lapse dell’intera preparazione.

Fateci sapere cosa ne pensate del Trono di Spade e del nostro progetto sulla pagina Facebook di Viking Italia.

Tag:,
La sala proiezioni
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+Share on LinkedIn

Comments are closed.