Categoria: Idee

News e notizie dal mondo che riguardano il mondo degli uffici, degli studi professionali e delle aziende

Idee
08/05/2015

L’abito non fa il monaco? È vero esattamente il contrario: dimmi come ti vesti e ti dirò come ti comporti, soprattutto sul posto di lavoro. E soprattutto, con buona pace dei guru della Silicon Valley, un vero capo deve presentarsi sempre in giacca e cravatta o tailleur formali. Altro che casual friday.

A sostenerlo sono i risultati di una serie di studi condotti dai ricercatori in psicologia della Columbia University di New York e della California State University di Northridge, Stati Uniti d’America su alcuni studenti universitari: chi si vestiva più formalmente mostrava maggiori capacità di pensiero astratto e di focalizzazione sui grandi obiettivi strategici (doti tipicamente manageriali) rispetto a chi si vestiva in modo casual e risultava più attento agli aspetti pratici.

Insomma, per pensare in grande e ambire a posizioni manageriali sarebbe il caso di presentarsi in ufficio rigorosamente in abiti formali, e lasciar perdere le nuove mode sul look casual anche in orario di lavoro?

Idee
07/05/2015

Basterebbe il buon senso: troppe ore seduti al chiuso non fanno bene alla salute. Ma lo conferma anche la scienza, non ultima una ricerca pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine, in cui si aprla esplicitamente di “esiti deleteri” per la salute.

Che fare allora per combattere gli effetti negativi del lavoro sedentario?

Intanto evitare di parcheggiare l’auto sotto la scrivania: può essere una buona idea sfruttare la bicicletta, soprattutto ora che è primavera (e poi è provato che rende anche più felici) oppure parcheggiare a qualche isolato di distanza – o scendere a una fermata prima da autobus, metro e treni – e fare un po’ di strada a piedi. O ancora dimenticare l’ascensore, come suggerisce anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Allungare ogni tanto i muscoli mentre si è alla scrivania, per esempio con questi rilassanti movimenti, è un altro buon metodo per allontanare intorpidimenti e dolorini vari da cattiva postura.

Anche tralasciare per una volta mail e Skype e andare di persona dal collega può essere un modo per sgranchire le gambe e fare brevi passeggiate di tanto in tanto.

E poi respirare. Sì, respirare: spesso infatti, a causa dello stress (che negli uffici è in costante aumento) ci ritroviamo inconsapevolmente in apnea. Basta prenderesi un secondo di pausa per sentire il nostro respiro e regolarlo di conseguenza, magari andando anche a prendere la classica, salutare boccata di aria fresca.

Idee
06/05/2015

Sì, non c’è festa della mamma che si rispetti senza un lavoretto fatto dai suoi bambini (magari con l’aiuto del papà, e con qualche idea di quelle dedicate alla sua festa che potete trovare qui). Serve davvero poco: un po’ d’ispirazione, qualche minuto di tempo, i giusti prodotti di cancelleria e tanto amore.

E allora ecco 5 idee per preparare un bel regalo per festeggiare con tanto affetto la festa della mamma.

Utensili da cucina colorati
Soprattutto se non sono nuovi, cucchiai, forchettoni e altri utensili da cucina in legno possono sembrare un po’ trasandati: e allora perché non dargli un tocco di colore, come suggerisce Littlebitfunky.com? Lo si può fare anche con dei semplici marcatori per usi speciali come questi.

Vaso di fiori di carta
Il tutorial lo trovate su Indulgy.com e serve davvero poco: qualche foglio di cartoncino colorato (che potete comprare qui), un paio di forbici e delle cannucce o bastoncini di legno.

Segnalibro con le foto dei bambini
Anche questa è un’idea semplice da realizzare e molto apprezzata dalle mamme che leggono spesso: un bel segnalibro con le foto dei bambini. Serve una bella foto da stampare su carta speciale (come questa) e sempre un paio di forbici come queste: il tutorial si trova sul sito Nearlycrafty.com.

Ricettario ad anelli
Che sia una brava cuoca o meno non conta: ci sono le ricette di famiglia da tramandare di generazione in generazione, e cosa c’è di più bello di un ricettario fatto in casa proprio come i manicaretti? Bastano un raccoglitore ad anelli come questi, della carta speciale, magari un po’ ‘antica’ come quella riciclata, qualche immagine da ritagliare per fare del decoupage sulla cover del raccoglitore e il gioco è fatto: basta seguire le istruzioni su Pianetadonna.it.

Portafoto
Un grande classico, dove la mamma può mettere le foto dei suoi bambini o di tutta la famiglia: servono delle cannucce, colla e adesivi che potete trovare qui, un cartoncino resistente e un po’ di fantasia nell’abbinare i colori, come spiega bene il sito Buzznews.it.

 

Idee
29/04/2015

Credeteci o meno, ma buona parte dello stress, del nervoso, della tensione e delle arrabbiature di una normale giornata di lavoro non dipendono dalle 8 (o più) ore passate a lavorare ma da quelle passate per fare il tragitto casa – lavoro: è la (neanche tanto) sorprendente scoperta di uno studio (European Commuter Survey, realizzato da Ford) su 5.503 ‘pendolari’ in sei grandi città europee (Barcellona, Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Roma).

Intanto i ritardi dovuti a code e traffico oppure disservizi sui mezzi pubblici, che riguardano l’80% dei pendolari almeno una volta al mese e che il più delle volte sono capaci di mandarci letteralmente fuori dai gangheri. Poi il tempo effettivamente e normalmente passato in viaggio tra casa e ufficio, che nella maggior parte delle metropoli europee supera i 100 minuti al giorno (ovviamente Roma batte tutti, con ben 111 minuti).

I risultati: ansia, nervosismo, tensione e di conseguenza anche minor produttività e creatività durante le effettive ore di lavoro.

Che fare?
Secondo Andreas Ostendorf, vicepresidente di Ford Europa con responsabilità per sostenibilità, ambiente e ingegneria della sicurezza citato dal Guardian “Tutti dobbiamo lavorare insieme su una rete di soluzioni interconnesse e sostenibili per offrire una più ampia varietà di modalità di trasporto a prezzi contenuti, che siano accessibili e sostenibili. Percorsi pedonali, biciclette, autobus, treni, autoveicoli, tram, bus navetta: tutte modalità che devono essere collegate e integrate per ottimizzare la mobilità urbana in futuro”.

Idee
17/04/2015

Lo dicono tutti: medici, giornali, Tv, siti Internet. E ora lo dice anche il Ministero della Salute: per stare in forma anche con una vita intensa e stressante, si può cominciare dal fare le scale (quelle che portano in ufficio, quelle delle stazioni di treni e metropolitane, quelle di case e anche quelle dei mall e supermercati) e abbandonare definitivamente l’ascensore.

Insomma, se dopo l’inverno serve una scossa di remise en forme, si può sfruttare anche il tempo in ufficio per prendersi cura del fisico. La nuova campagna del Ministero della Salute si chiama “Usa le scale. Non prendere l’ascensore! Un gradino alla volta verso uno stile di vita più salutare anche in ufficio” ed è riassunta in un opuscolo ricco di buone indicazioni verso uno stile di vita salutistico.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità per mantenersi in forma bastano 30’ di attività fisica al giorno, anche conducendo uno stile di vita frenetico: “basta approfittare in modo intelligente delle opportunità che ci offre l’ambiente circostante” recita la campagna del Ministero della Salute, invitando proprio a partire dal fare le scale.

Salire i gradini infatti è un’attività che fa bene al cuore, tonifica i muscoli delle gambe, attiva il metabolismo permettendo di tenere sotto controllo il peso e – dettaglio non da poco – è totalmente gratuita.

Sai cosa puoi fare? Scaricare il pdf dal sito del Ministero della Salute (clicca qui), stamparlo e appenderlo in ufficio, invogliando colleghe e colleghi a seguire il tuo buon esempio.

Idee
14/04/2015

Oltre 11mila metri quadri, 127 aziende e l’idea di nuove risposte alle esigenze degli spazi di lavoro: è Workplace 3.0, lo spazio all’interno del Salone del Mobile di Milano dedicato al mondo dell’ufficio che si può visitare nei padiglioni 22-24 della fiera di Rho.

Cuore di Workplace 3.0 è La Passeggiata, l’installazione firmata da Michele De Lucci e dedicata all’ambiente di lavoro di cui avevamo già parlato qui e che propone una nuova visione “work-life balance” tra ambienti di vita e di lavoro.

Poi, accanto alle proposte degli espositori c’è un ricco calendario di appuntamenti dedicati al tema dell’ufficio del futuro: quelli ‘ufficiali’ all’interno del programma si possono trovare qui (per esempio il 15 aprile da Dieffebi si parla di qual è il colore giusto per stare bene ed essere più produttivi in ufficio) ma ce ne sono anche al di fuori degli spazi istituzionali.

Da Workplace Wellness (Largo Treves 5/angolo Via Solferino) Kinnarps e Studio Nichetto mostrano i vantaggi di un ambiente di lavoro all’insegna degli stili di vita salutistici (fino a domenica 19). Rethink the Modular (via S. Gregorio 29) rivisita invece il concetto di modularità: proposte di ricerca estrema di un gruppo di professori e studenti di design (fino a domenica 19).

Se poi cercate di interpretare il futuro circa le tendenze dell’ufficio che verrà, leggete anche qui.