Categoria: Idee

News e notizie dal mondo che riguardano il mondo degli uffici, degli studi professionali e delle aziende

Idee
19/12/2014

Dormire in ufficio aiuta a lavorare meglio: è bastata una ricerca della Sleep Foundation (citata dal Washington Post e riportata in Italia dall’Huffington Post) per convincere tutti che sì, un bel riposino sulla poltrona dell’ufficio è salutare.
20 minuti ad occhi chiusi basterebbero ad aumentare del 40% la creatività e del 30% le prestazioni, oltre a migliorare l’apprendimento.
E subito dopo via di esempi di grandi multinazionali che hanno predisposto delle vere e proprie nap rooom, da Microsoft in giù:
Il 34% degli americani può fare la pennichella al lavoro, il 16% lavora in aziende che dispongono di stanze appositamente dedicate al relax…Riuscendo così a far diminuire quel buco di 18 miliardi di dollari di perdita in produttività annuale imputata alla mancanza di riposo
Ora però un articolo appena pubblicato dal sito della BBC dice che no, la pennichella in ufficio non serve a un bel nulla. Anzi: il risultato, a qualche anno di distanza dalle prime sperimentazioni, parla di dipendenti che non si svegliano, di cali della produttività del 45%, di impiegati scoperti a mettere la testa sotto il rubinetto dei bagni aziendali per riuscire a darsi una scossa e altre inattese e spiacevoli conseguenze.

Quindi che fare? L’articolo della BBC cita alcuni CEO e responsabili delle risorse umane secondo i quali alla fine è tutta una questione di equilibrio tra l’incoraggiare il riposino a tutti e il tollerarlo da parte di chi ne trae effettivamente giovamento.

Ma voi una siesta al pomeriggio in ufficio la fareste? E come la prenderebbero i vostri responsabili aziendali? Avete spazi a disposizione per fare un break di 15′?

Idee
08/12/2014

Pare che Bill Gates, il boss di Microsoft, abbia affermato: “Se c’è un lavoro difficile da fare, lo assegno sempre a un pigro: troverà sicuramente un modo semplice per farlo”.

Vero o falso che sia, il sogno di ogni pigrone è senza dubbio quello di trovare un lavoro con ottimi salari e basso stress, sia per quanto riguarda il numero totale di ore lavorare a settimana, che per quanto riguarda i ritmi di lavoro.

Insomma, guadagnare bene, impegnarsi poco. E allora il sito Quora.com (Una specie di Yahoo Answer, ma senza troll) ha lanciato la provocazione: quali sono i migliori posti di lavoro per gente pigra ma intelligente? Apriti cielo: un profluvio di suggerimenti, racconti, esperienze e consigli da parte di (presunti) intelligenti ma (sicuramente) pigri.

Qualche idea? Be’, fare l’insegnante di inglese in Cina, tra le prime opzioni (ma pare si debba essere madrelingua e nativo, altrimenti i salari non sono così alti). Poi il programmatore informatico (si parla apertamente di mettersi alla scrivania a “lavorare in pigiama”), il guru di qualche cosa (ma questo forse è più un sogno che un suggerimento) e un sacco di altri spunti più o meno fattibili.

E voi che ne pensate?

Idee
25/11/2014

Come ormai da molti anni a questa parte, anche per questo Natale 2015 Office Depot vuole sostenere attivamente le attività della Fondazione Aiutare i Bambini: acquistando dall’assortimento natalizio di Office Depot i prodotti che sostengono le attività della Fondazione potrai dare un aiuto concreto alle migliaia di bambini in Italia e nel mondo in condizione di povertà, ammalati, senza istruzione o che hanno subito violenze fisiche o morali.

La Fondazione Aiutare i Bambini è nata in Italia nel 2000 per sviluppare nel nostro paese e ovunque ce ne sia il bisogno progetti di accoglienza, assistenza sanitaria, emergenza, educazione e adozione a distanza. Aiutare i Bambini verifica direttamente l’effettivo avanzamento dei progetti finanziati mediante l’invio di esperti e volontari sul campo, e pubblica online il proprio bilancio certificato direttamente sul proprio sito www.aiutareibambini.it.

Office Depot crede fermamente nell’importanza di contribuire al bene delle comunità nelle quali viviamo e lavoriamo, con aprticolare attenzione al futuro e ai bambini: per questo motivo ancora una volta ha scelto di contribuire alle attività della Fondazione Aiutare i Bambini che in 14 anni di attività ha già sostenuto 1.145 progetti di accoglienza, assistenza sanitaria, emergenza, educazione e adozione a distanza.

Idee
18/11/2014

Ok, tutti danno un’occhiata a Facebook e agli altri social network, anche quando sono in ufficio. Magari prima di attaccare al mattino, magari durante la pausa pranzo, ma una lettura veloce del mondo social, anche in ufficio, è una tentazione a cui molti non sanno resistere. Al punto che le policy di alcune aziende prevedono addirittura il blocco di Facebook sui computer aziendali, per evitare perdire di tempo e dispersioni delle attività.

E però Zuckerberg e il suo team non si arrendono tanto facilmente, e secondo i rumors (lo riporta il Financial Times) starebbero pensando a Facebook at Work. Ovvero una piattaforma social con in più delle funzioni di networking, chat, condivisione dei documenti e altre funzionalità pensate esclusivamente (o quasi) per il mondo business.

Sempre secondo i rumors americani il servizio Facebook at Work dovrebbe essere inizialmente gratuito, ovviamente per attrarre ancora più utenti del miliardo e 350milioni di profili attualmente registrati a Facebook. E ovviamente più utenti significherebbero maggior valore alle inserzioni pubblicitarie, ormai il vero business di Facebook.

Il problema per Facebook, nel tentativo di sfidare Linkedin, sarà la fiducia che riuscirà a conquistare da parte delle aziende: non tanto per il tempo potenzialmente perso da parte dei dipendenti, quanto per le policy relative alla privacy e alla riservatezza dei dati.

Idee
28/10/2014

500 ore l’anno chiusi in macchina, in coda, per andare al lavoro. Sono i numeri di Milano e Roma, secondo una ricerca dell’Aci condotta anche a Torino e Genova dove le cose vanno leggermente meglio, con rispettivamente 450 e 380 ore passate al volante per andare e tornare dall’ufficio.

Ore per lo più impiegate a sfrizionare, prendersela con il semaforo e magari con il vicino di coda. Ore insomma che aumentano il già elevato livello di stress.
Rimedi contro lo stress in ufficio
Ora, secondo un paio di ricerche inglesi, un rimedio allo stress e al malessere c’è: è quello di fare i pendolari attivi. Bici o piedi cambia poco, la sostanza è che secondo una ricerca della London School of Hygiene and Topical Medicine e dell’University College London chi usa la bici o le scarpe per i propri spostamenti quotidiani ha più facilità a tenere sotto controllo il peso. Insomma, rimane più in forma.

Ma non solo: secondo un’altra ricerca della University of East Anglia prendere la bici o fare una camminata per andare al lavoro abbasserebbe i livelli di stress, aumentando di conseguenza la generale sensazione di benessere e felicità.

Idee
09/10/2014

Un rito di ogni ufficio: il caffè al mattino, prima di cominciare davvero a lavorare; quello dopo pranzo, come da tradizione italiana; e magari uno a metà pomeriggio, per darsi la carica in vista del rush finale della giornata lavorativa. Ma non saranno troppi 3 caffè al giorno? E il caffè fa bene o male?

Il caffè è un piacere, e se bevuto in quantità moderate fa anche bene alla salute. Per questi 7 buoni motivi

Il caffè è ricco di antiossidanti, che sono gli elementi che contrastano l’invecchiamento cellulare.
Il solo profumo del caffè è in grado di attivare le aree del cervello che regolano i livelli di stress, diminuendo la tensione.
Il caffè è un toccasana per il fegato: nei casi di grandi bevitori diminuisce del 20% il rischio di cirrosi epatica, e in generale aiuta le funzioni di questo importante organo del corpo umano.
Secondo una ricerca della Brigham and Women’s Hospital and Harvard Medical School su oltre 112 mila donne e uomini in un arco temporale di 20 anni, il caffè avrebbe la capacità di ridurre il rischio di tumori della pelle nella popolazione femminile.
Il caffè aiuta a bruciare le riserve di grasso: in quanto eccitante, aumenta il metabolismo, contribuendo a bruciare più calorie.
Il caffè, ovviamente, consente al cervello di lavorare in modo più efficiente e brillante: la caffeina infatti migliora la concentrazione e l’attenzione (anche quando si è dormito poco)
Il caffè infine rende felici: il National Institute of Health ha infatti dimostrato come il consumo di caffè diminuisce il rischio di depressione di almeno il 10%.