Categoria: Notizie

Notizie e curiosità sui maggiori prodotti da ufficio e dei partner

Notizie
08/01/2019

Uno studio delle università di Swansea (Gran Bretagna) e Tolosa (Francia) aggiunge nuova linfa al dibattito sul perché non lavorare nel fine settimana. Secondo la ricerca condotta analizzando lo stato di salute psicofisica di oltre 3.000 lavoratori, chi da 10 anni o più lavorava nel fine settimana, faceva regolarmente turni notturni, o ancora lavorava sui 3 turni, alternando notti, sveglie all’alba (prima delle 5) o rientri a tarda sera (dopo le 22:00) dimostrava performance psicofisiche pari a quelle di una persona di oltre 6 anni più vecchia. Cioè, per dirla in breve, lavorare nel fine settimana o di notte accelera l’invecchiamento sia fisico che mentale, influenzando i livelli ormonali e di conseguenza anche l’umore, oltre che i ritmi del sonno e del riposo.
Lavorare nel fine settimana e di notte accelera l’invecchiamento psicofisico
Se già le capacità fisiche e cognitive si riducono con l’avanzare dell’età, invertire il ritmo sonno-veglia per lavorare di notte o lavorare a ritmi contrari a quelli naturali, per esempio lavorando regolarmente anche nei weekend, accelera il processo di invecchiamento psicofisico: ogni 10 anni è come se ne fossero passati 16 e mezzo.

Non solo: in un altro studio dell’Institute for Work and Health in Canada i lavoratori notturni, sui turni o domenicali evidenziavano anche una maggior tendenza agli infortuni sul lavoro, ai problemi gastrointestinali, allo stress e alla stanchezza cronica.

C’è tuttavia una buona notizia: il processo di invecchiamento psico-fisico non è irreversibile. Interrompere questa routine e tornare a una normale permette, in 5 anni di lavoro diurno, di riacquisire livelli di performance fisica e cognitiva in linea con la propria età anagrafica.

Notizie
27/12/2018

Le password da non usare mai sono proprio quelle che almeno una volta nella vita tutti abbiamo usato. Il che significa le più veloci da digitare e facili da ricordare. A stilare la classifica delle 10 password più facili da violare ci ha pensato SplashData, una tech firm specializzata nella sicurezza informatica che purtroppo, troppo spesso, deve intervenire quando gli investimenti economici delle aziende (o peggio ancora i dati personali, dalle foto al banking online) sono già stati vanificati e violati. È difficile a credersi ma il 3% della popolazione mondiale usa come password per il proprio computer, smartphone o tablet e per i propri account online la sequenza numerica 123456. Sì, davvero: siccome la password spesso deve essere di almeno 6 caratteri, c’è purtroppo ancora chi usa i primi 6 numeri della tastiera.
Le password da non usare mai
Non che gli altri brillino per originalità se è vero che nella Top 10 delle password da non usare mai ci sono anche le altre sequenze numeriche dall’1 al 9. Addirittura c’è chi per pigrizia totale come password usa 111111 (la sesta più usata tra le peggiori 10) e chi proprio non riesce ad andare oltre un banalissimo “password” o un altrettanto pigro “qwerty”, le prime 6 lettere partendo da in alto a sinistra nella tastiera. Meno banali ma altrettanto deboli e facili da violare “sunshine” (per gli utenti di lingua inglese) e lo sdolcinato “iloveyou”.
Come scegliere una password sicura
Gli specialisti di SplashData hanno fornito anche qualche utile suggerimento su come scegliere una password sicura. Intanto non usare mai nulla di personale, dal nome del cane alla squadra del cuore all’indirizzo di casa e fino alla data di nascita: quante volte infatti abbiamo condiviso queste informazioni sensibili sui social network? Per un ‘cyberladro’ sarebbe un gioco da ragazzi scrutare nei nostri profili social e cominciare proprio da quelle. Poi una password “sicura” dovrebbe contenere lettere, numeri e simboli come &, %, ! o ? in egual misura, e qui arriva l’ultimo consiglio: una password sicura sicura dovrebbe essere lunga dai 15 ai 20 caratteri. Il che la rende sicuramente difficile da ricordare e digitare ma è il minimo suggerito per dormire sonni sereni. Ah, e infine, meglio usare password diverse e non impigrirsi a usare sempre la stessa, perché poi diventa come un passepartout che apre tutte le porte.

Notizie
07/12/2018

Unioncamere e Anpal Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro hanno appena presentato alla fiera Job&Orienta lo scenario dei lavori più richiesti nei prossimi 5 anni (2019-2023) partendo da ipotesi di una seppur debole ripresa economica: digitale, salute e benessere della persona, ecosostenibilità, educazione, robotica, energia, mobilità e logistica appaiono i settori che nei prossimi 5 anni vedranno un saldo attivo di impiego, con una particolarità: per la maggior parte si tratta di professioni che ancora non esistono né hanno un chiaro processo di formazione già in essere.
I lavori più richiesti nei prossimi 5 anni nel digitale
Il digitale, in tutte le sue declinazioni, sta rivoluzionando la vita quotidiana delle persone e nei prossimi anni in Italia si creeranno circa 250.000 posti nell’analisi dei dati, nella sicurezza informatica, nell’intelligenza artificiale, nell’analisi di mercato e nel mondo del marketing digitale.
I lavori più richiesti nei prossimi 5 anni nel settore dell’ecosostenibilità
L’economia circolare è il trend del futuro per quanto riguarda la salvaguardia del pianeta e lo sviluppo sostenibile: dagli esperti in gestione dell’energia agli addetti agli impianti a basso impatto ambientale e fino ai chimici “green” saranno numerose le opportunità di lavoro in questo settore. A questi si aggiungeranno 40mila unità richieste nel settore della produzione di energia elettrica, del recupero e riciclaggio dei rifiuti e nel trattamento delle acque.
I lavori più richiesti nei prossimi 5 anni nel settore della salute
Una popolazione che invecchia sempre più richiederà nel futuro sempre più specialisti della salute: medici, infermieri, operatori socio sanitari, fisioterapisti saranno protagonisti dal 2019 al 2023 di un fabbisogno occupazionale di circa 350mila posti di lavoro.
I lavori più richiesti nei prossimi 5 anni nel settore dell’educazione
Non solo insegnanti di scuola di ogni ordine e grado ma anche esperti progettisti di corsi di formazione per adulti vedranno una richiesta nell’ordine dei 150mila posti di lavoro nei prossimi 5 anni.
Altri lavori più richiesti nei prossimi 5 anni
Altri lavori tra i più richiesti nei prossimi 5 anni saranno quelli del settore della robotica, meccatronica e automazione, con circa 100mila richieste, del settore della logistica e del magazzinaggio aereo, navale, ferroviario e su gomma (circa 90mila addessi richiesti)

Notizie
28/11/2018

Lo smart working funziona: crea benessere nei dipendenti e migliora efficienza e risultati aziendali. Lo dice, e dimostra, una ricerca dell’Osservatorio smart working della School of management del Politecnico di Milano, presentata nell’ambito del convegno “Smart working: una rivoluzione da non fermare”, organizzato a un anno di distanza dall’entrata in vigore della legge 81/17 che normato un modo di lavorare già diffuso in alcune aziende.
Lo smart working funziona: crea soddisfazione, motivazione ed efficienza
Produttività aumentata del 15%, tasso di assenteismo ridotto del 20%, maggior soddisfazione delle modalità di organizzazione e gestione delle proprie attività lavorative, miglioramento dell’equilibrio tra vita privata e professionale, aumento della qualità dei risultati raggiunti, maggior efficienza, motivazione e benessere: è questo il quadro che emerge dalla ricerca del Politecnico di Milano sullo smart working, che delinea anche la figura tipo dello smart worker, uomo, tra i 38 e i 58 anni, residente nel nord ovest dell’Italia.
Cos’è lo smart working
Inquadrato dalla legge 81/17, lo smart working è una modalità di lavoro caratterizzata da flessibilità e autonomia nella scelta dell’orario e del luogo di lavoro, resa possibile dalla dotazione di strumenti digitali adatti a lavorare in mobilità, eventualmente anche fuori sede. In pratica lavorare dove e (relativamente) quando si vuole, organizzando in autonomia i propri tempi di lavoro in accordo con i compiti da svolgere, grazie a computer portatili, smartphone, connessioni virtuali, cloud e altre dotazioni tecnologiche messe a disposizione dall’azienda.
Smart working: quante persone lo fanno in Italia
Secondo la ricerca del Politecnico di Milano in Italia ci sono oggi 480.000 smart worker, il 12,6% degli lavoratori attivi che potrebbero essere interessati da questa modalità operativa: rispetto al 2017 c’è stato un aumento del 20%, con alcune differenze tra grandi imprese, Pubblica Amministrazione e PMI. Se nelle grandi aziende con oltre 250 addetti lo smart working è in aumento costante ed è considerato necessario per la competitività (il 56% delle grandi aziende interpellate ha già progetti in essere), nella PA le iniziative di lavoro agile sono ferme al 9% e nelle PMI lo smart working è passato da una diffusione del 22% nel 2017 al 24% del 2018.
Smart working: un cambio culturale più che di strumenti di lavoro
Se lo smart working è reso possibile dalla dotazione di strumenti tecnologici che permettono il lavoro agile e in mobilità, il vero cambiamento da affrontare è però quello culturale, con i responsabili HR chiamati a modificare gli stili di leadership e i comportamenti delle persone, orientandoli sempre più verso il raggiungimento degli obiettivi.

Secondo la ricerca, uno stile di leadership smart deve basarsi sulla capacità dei capi di incoraggiare le persone a collaborare con tutti i colleghi in modo aperto (sense of community); di decidere di volta in volta le modalità e gli strumenti di comunicazione da utilizzare con i collaboratori (virtuality); di recepire le esigenze personali dei collaboratori e integrarle nelle modalità di organizzazione del lavoro (flexibility); di responsabilizzare i collaboratori, coinvolgendoli nelle decisioni e stimolandoli a proporre miglioramenti nelle modalità di organizzazione del lavoro (empowerment).

Notizie
26/11/2018

Il tema della diversità, nelle sue molte sfaccettature e declinazioni, rappresenta un elemento importante nella società e nelle organizzazioni e coinvolge direttamente tutti i soggetti che ne fanno parte. Qui alla Viking abbiamo affrontato molte volte argomenti legati a questa tematica e in particolare riguardo alle differenze che vi sono, in culture diverse, nel galateo adottato in ufficio.

I benefici di un ambiente di lavoro attrezzato per le diverse esigenze, con strumenti e supporti adatti come software, cancelleria, raccoglitori per classificare i documenti ma anche strumenti organizzativi come politiche inclusive mirate a coinvolgere e motivare i lavoratori, sono molteplici e hanno come denominatore comune il vantaggio competitivo.

Vantaggio competitivo che deriva proprio dall’integrare la diversità e punti di vista differenti all’interno della cultura aziendale mettendo il lavoratore nelle condizioni ottimali per lavorare. In questa infografica abbiamo approfondito il binomio lavoro e disabilità, sempre molto dibattuto, anche alla luce delle recenti novità legislative, per creare una guida sintetica e facilmente accessibile dalle aziende.

Una recente ricerca ha dimostrato che la corretta integrazione di lavoratori con disabilità ha ricadute positive anche su tutti i dipendenti e favorisce lo sviluppo di una cultura manageriale orientata a considerare punti di vista differenti, a valutare meglio le persone e ad attribuire i compiti in maniera equilibrata.

L’annoso problema occupazionale che affligge le persone con disabilità è ribadito da tutte le principali fonti statistiche, come ad esempio l’Istat che, nel più recente report sull’inclusione sociale delle persone con limitazioni funzionali, invalidità o cronicità gravi, mette in luce i divari esistenti. Come si osserva dall’infografica i numeri parlano di scostamenti, tra i lavoratori disabili e quelli senza disabilità, che rimangono rilevanti.

La legislazione ha sempre provato a normare questo aspetto e, con le ultime disposizioni, ha previsto l’obbligo, per aziende che occupano da 15 a 35 dipendenti, di assumere un lavoratore con disabilità, anche se non ci sono nuove assunzioni. Ai datori di lavoro sono concessi inoltre incentivi economici sulla retribuzione imponibile del lavoratore che varia in funzione della tipologia del contratto e del grado di riduzione di capacità lavorativa.

In molti casi questi incentivi riguardano anche interventi strutturali. Nel caso dei disabili da lavoro, ad esempio, l’Inail può rimborsare all’azienda interventi per il superamento e l’abbattimento delle barriere architettoniche, per l’adeguamento e l’adattamento delle postazioni di lavoro e per la formazione.

Come illustrato dall’infografica, è anche fondamentale curare tutti gli aspetti della comunicazione interna. È importante diffondere in azienda un linguaggio inclusivo e coinvolgere attivamente il lavoratore disabile interessato in tutti gli aspetti riguardanti la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro. L’azienda deve tenere presente tutte le possibili difficoltà del lavoratore disabile come l’impossibilità ad utilizzare il PC, difficoltà a partecipare con profitto all’attività formativa, difficoltà di relazione, difficoltà ad accedere agli strumenti di informazione interna.

Oltre alla cultura organizzativa, per affrontare le difficoltà tecniche occorre adottare quelle tecnologie in grado di assistere il lavoratore disabile come strumenti software e hardware, di tipo informatico, ma anche optoelettronico, ottico e meccanico, che compensano in tutto o in parte la mancanza di specifiche abilità. Nell’infografica è possibile trovare un elenco di alcune casistiche comuni.

Infine, è fondamentale revisionare costantemente gli adeguamenti materiali e immateriali per accertarsi che siano sempre aggiornati ed efficaci, non dimenticandosi che tutte queste accortezze devono cominciare prima dell’effettiva assunzione compresa la fase di colloquio.

—————————————————————————————————————————

Speriamo che questi consigli pratici su come adeguare la tua organizzazione ad integrare al meglio i lavoratori con disabilità possano tornarti utili anche grazie all’infografica facilmente consultabile. Se la tua azienda occupa lavoratori con disabilità e vuoi raccontarci la tua esperienza scrivici sulla pagina Facebook Viking Italia.

Notizie
06/11/2018

Fatturazione elettronica 2019 significa che dal 1° Gennaio 2019 è obbligatoria l’emissione della fattura elettronica tra privati titolari di partita IVA residenti in Italia: in pratica qualunque fattura tra imprese, professionisti, artigiani o comunque qualunque altro soggetto con partita IVA residente in Italia dovrà essere emessa con un file XML (eXtensible Markup Language) come già avviene per il formato FatturaPA già utilizzato per la fatturazione verso la Pubblica Amministrazione. Chi non si adeguerà alla nuova normativa incorrerà in sanzioni comprese tra il 90% e il 180% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato.
Fatturazione elettronica 2019: come fare a emettere e ricevere le fatture elettroniche
Ci sono diversi modi per emettere e ricevere le fatture elettroniche a partire dal 1° gennaio 2019, utilizzando il Sistema di Interscambio (SdI). Il primo è essenzialmente tramite quello che viene chiamato web service, in pratica un sito web attraverso il quale inviare singoli file fino a un massimo di 5MB di “peso”; il secondo è l’FTP, o File Transfer Protocol, un applicativo che permette di inviare più file – quindi più fatture contemporaneamente – fino a un massimo di 150 MB di “peso”; l’ultimo è la PEC, Posta Elettronica Certificata, tramite la quale inviare più file – quindi più fatture – fino a un massimo di 30 MB di “peso”. Per i primi due sistemi è necessario accreditarsi presso SOGEI, che gestisce il Sistema di Interscambio (SdI) per conto dell’Agenzia delle Entrate; nel caso della PEC questo non è necessario.

Per le imprese è importante sapere che sarà possibile (quindi facoltativo) utilizzare un portale pubblico reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate dove indicare come si preferisce ricevere le fatture elettroniche oppure accedere direttamente al proprio “cassetto fiscale” dove trovare le fatture di propria competenza. Per ogni file elaborato – quindi ogni fattura emessa e inviata – il SdI calcolerà un codice alfanumerico univoco e lo riporterà dentro le ricevute.

Dal 1° gennaio 2019 qualsiasi altra di fattura non in formato elettronico non deve essere pagata.
Fatturazione elettronica 2019: chi è esentato?
Gli unici soggetti esentati dall’emissione della fattura elettronica sono quelli che rientrano nel regime di vantaggio (art. 27, comma 1 e 2, del D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, conv. dalla Legge n. 111 del 15 luglio 2011), e quelli che rientrano nel regime forfettario o “dei minimi” (art. 1, comma da 54 a 89, della Legge n. 190 del 23 dicembre 2014).
Fatturazione elettronica 2019: quali vantaggi?
Se è chiaro l’intento dell’Agenzia delle Entrate di contrastare l’evasione fiscale, meno chiari sono i vantaggi per le aziende della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019. Al netto di tutte le procedure da implementare e che inevitabilmente all’inizio creeranno qualche dubbio o problema, secondo alcune società di consulenza del lavoro i processi di dematerializzazione dei documenti fiscali, per una PMI di medie dimensioni che emettete e/o riceve un totale di circa 3 mila fatture l’anno, i risparmi potrebbero variare tra i 7 e i 12 euro a fattura.
Fatturazione elettronica 2019 Viking
Anche noi di Viking ci siamo adeguati alla Fatturazione Elettronica 2019 con un sistema gratuito di fatturazione elettronica già disponibile in modalità “demo” sul nostro sito a questo indirizzo.