Categoria: Notizie

Notizie e curiosità sui maggiori prodotti da ufficio e dei partner

Notizie
24/02/2015

Spedire prodotti, documenti o oggetti tramite corriere espresso o i diversi servizi di spedizione postale è un’attività sempre più diffusa in ogni ufficio. Tuttavia, per essere davvero sicuri che la busta giunga a destinazione integra e in perfette condizioni occorre dedicare un po’ di attenzione al modo in cui la si prepara.

Prima di tutto è necessario dotarsi di tutto il materiale occorrente:

2 buste per spedizione di 2 dimensioni diverse: una che contenga il nostro oggetto e una poco più grande, in larghezza e lunghezza.
Benché esistono le buste imbottite, può essere utile dotarsi anche di materiale per l’imbottitura, come polistirolo, oppure prevedere di confezionare l’oggetto o i documenti con della carta da pacco.
Del nastro adesivo
Etichette per la spedizione

A questo punto si comincia inserendo l’oggetto o il plico di documenti nella busta più piccola, richiudendola con l’apposita linguetta adesiva e rinforzandone i lati con il nastro adesivo specifico per pacchi e confezioni.

Se si tratta di oggetti delicati o di documenti che non si devono rovinare durante il trasporto si può proteggere la busta con della carta da pacco, sigillando ulteriormente il tutto sempre con il nastro adesivo per spedizioni.

Infine si inserisce il pacchetto così confezionato nella busta per la spedizione e la si sigilla, aggiungendo gli indirizzi del mittente e del destinatario, meglio se stampanti con un’etichettatrice.

Ora non resta che ordinare il ritiro della busta e attendere serenamente che giunga a destinazione.

Notizie
19/02/2015

Stampante laser o Inkjet? Multifunzione o solo stampante? Toner o cartucce? Scegliere la stampante adatta all’uso che se ne intende fare è il modo migliore per ottimizzare i costi di stampa, e spendere al meglio i propri soldi, considerando anche il costo di acquisto di toner e cartucce.

Ora, vero è che il mercato è sempre più orientato verso i dispositivi multifunzione, che oltre alla stampante comprendono anche scanner e fax. Ma è anche vero che questi dispositivi normalmente occupano più spazio delle semplici stampanti, e che nel caso in cui fax e scanner sono già in dotazione potrebbe non essere necessario dotarsene nuovamente. Discorso a parte poi per le stampanti per uso domestico, per le quali occorre valutare il tipo di documenti che si intende stampare.

Intanto, se si stampano prevalente documenti di testo è preferibile optare per una stampante laser in bianco e nero: stampano più velocemente e con costi di stampa sensibilmente più bassi. Tuttavia il costo iniziale di una stampante laser è superiore a quello di una inkjet, e anche il toner costa mediamente più della cartuccia: fattori che poi si annullano se si stampano grandi volumi di fogli.

Se invece si stampa spesso a colori – per esempio grafici, report, immagini, fotografie, pagine Web – le stampanti Inkjet garantiscono maggior flessibilità: vero che stampano più lentamente, ma le cartucce si esauriscono più velocemente del toner (il nero è comunque separato dal colore) e generalmente durano meno nel tempo.

Notizie
17/12/2014

No, i biglietti di auguri spediti via posta non si sono estinti. Anzi, nonostante sms, Facebook, e-mail e qualsiasi altro velocissimo strumento tecnologico, un bel biglietto di auguri di Natale, ben scritto e ben scelto, è ancora un gesto in grado di fare emozionare. Come fare per scriverlo senza incorrere in errori ma risultando comunque originali? Ecco alcuni consigli.

1. Personalizzate il messaggio
Il copia e incolla uguale per tutti finisce nel cestino della carta. Pensate a un episodio particolare, a un evento che riguarda voi e la persona a cui mandate gli auguri, a una persona cara che avete in comune o comunque a qualcosa di davvero personale. Basterà questo per far risultare i vostri auguri davvero sentiti.

2. Utilizzate un biglietto d’auguri di qualità
Non serve che siano serigrafati a mano, possono anche essere di quelli standard purché di cartoncino di qualità, ben stampati senza sbavature e con inchiostro di qualità. Aggiungete una frase sentita e firmate con il vostro nome e il gioco è quasi fatto.

3. Usate una penna di qualità
Tra il tratto di una penna Bic e quello di una penna di qualità la differenza di vede a occhio nudo. E anche questi dettagli si notano. In ogni caso, prima di cominciare a scrivere, provate il tratto su un foglio di brutta e assicuratevi che sia continuo e senza sbavature.

Notizie
05/12/2014

Il caffè è il break preferito da milioni di persone: al bar, alla macchinetta o anche a casa, quando si tratta di fare una pausa tra tutti gli impegni della giornata, un caffè è spesso quello che ci vuole per fare il pieno di energia e vigore.

Ora uno studio australiano pubblicato su Flavour Journal ha scoperto e dimostrato che il colore del contenitore – tazza, tazzina, bicchiere – può influenzare la percezione del sapore e dell’intensità del caffè che si beve.

Lo spunto della ricerca è nato quasi per caso quando due ricercatori hanno bevuto lo stesso caffè, nello stesso bar, da una tazzina bianca e da una di vetro, percependo quello nella tazzina bianca come più amaro di quello in vetro. Possibile?

Sì, possibile: se i colori sono associati alle emozioni (e possono per esempio influenzare la produttività) possono anche influenzare la percezione di un sapore. Per esempio è stato dimostrato che la stessa mousse alla fragola presentata su un piatto totalmente bianco è percepita come più dolce del 10% e più ricca di sapore del 15% che se presentata su un piatto nero.

E così è anche per il caffè: una tazzina di color marrone è meno associata con il concetto di dolcezza di una tazzina di colore azzurro, che invece esalterebbe la percezione del colore della crema del caffè. E così anche per una tazzina bianca (associata al concetto di amaro in questo caso) rispetto a una tazzina di vetro, o trasparente. Parimenti però la tazzina bianca esalterebbe il concetto di intensità dell’aroma del caffè, cosa che non accade con la tazza trasparente.

Insomma, lo studio dimostra che il colore della tazzina influenza il sapore e l’intensità del caffè, e questa potrebbe essere una informazione interessante per quanti operano nel settore della vendita e della somministrazione del caffè.

Notizie
02/12/2014

Sì, c’è chi subisce il fascino dei prodotti di cancelleria al punto tale da farne un feticcio e scriverci un libro appassionato, ricco di storie, aneddoti e informazioni: è stato appena pubblicato in Inghilterra “Adventures in Stationery: A Journey Through Your Pencil Case”, un viaggio emozionale nelle storie degli oggetti di ogni giorno firmato da James Ward.

Ne ha scritta una divertita – e divertente – recensione Elisa Conti per “Pagina 99” (poi pubblicata da “Il Foglio del lunedì” e ripresa da Dagospia). Eccone alcuni passaggi.
«Ci sono patiti di calcio che sanno a memoria formazioni di decenni fa, musicofili che sanno chi ha partecipato all’album di una certa band e nessuno li critica», dice Ward. «Se invece ti dichiari maniaco di righelli o penne vieni deriso, come se una fissazione fosse inferiore a un’altra. Si dà per scontato che dobbiamo appassionarci a quello che amano tutti gli altri. Ma chi dice che interessarsi a oggetti di uso quotidiano sia sbagliato?».

Per giustificare le sue predilezioni, nel libro Ward presenta una nutrita serie di affascinanti curiosità: dalla vicinanza tra le parole inglesi penis (pene) e pencil (matita), entrambe mutuate dal latino penicillum, pennello (il che, retrospettivamente, getta nuova luce sul vecchio carosello della Cinghiale: «pennello grande o grande pennello?»), all’invenzione della colla in stick, stimolata dall’osservazione di una donna che metteva il rossetto.

Soprattutto, però, Adventures in Stationery rivela che il rapporto tra gli umani e la cancelleria, nonostante l’apparente disinteresse della maggioranza, è così viscerale e intimo da oltrepassare le leggi della ragionevolezza, se non addirittura le leggi e basta. Secondo i dati, nel 2011, periodo di recessione in cui molti persero il lavoro, tra i beni infilati negli scatoloni si registrarono moltissime pinzatrici, considerate dalla maggioranza degli ex dipendenti come un effetto personale.

Proprio le penne sono state al cuore di una prolungata battaglia ideologica oltre che economica: quella, puntualmente rievocata nel libro, tra paladini delle cosiddette biro e delle stilografiche.
Negli anni Cinquanta la Parker sostenne che le penne a sfera uniformassero troppo le calligrafie, eliminando tratti peculiari come l’inclinazione del pennino. Per reagire all’insinuazione, la Bic arruolò un noto grafologo e gli sottopose circa 700 manoscritti in 11 giorni dato che le interpretazioni dell’esperto, a detta di tutti gli esaminati, si rivelarono molto precise, nacque la credenza che la biro in effetti rispecchiasse lo stile di chi la usava. E anche che la grafologia fosse una scienza esatta.

Esplorato il passato della cancelleria, resta da vedere quale ne sarà il futuro. Il sentimentale Ward, come ogni vero innamorato, non può credere che un giorno tutto questo finirà. Anzi, a suo avviso il settore è più vivo che mai: «Il fatto è che in un mondo digitale noi abbiamo ancora bisogno di fisicità, di toccare le cose. Lo schermo è freddo, mentre la scrittura è calda, personale, sensuale: la pressione sul foglio, l’odore di una gomma nuova ci fanno sentire bene, ci confortano.

Di più: hanno il potere di renderci migliori. Io, quando compro dei nuovi raccoglitori, sento l’impulso a trasformarmi nell’individuo ordinato che ho sempre voluto essere. Quando acquisto un quaderno nuovo, mi dico che finalmente inizierò il mio romanzo. Quando compro un evidenziatore, sono pronto a riordinare le priorità della mia vita. E posso farlo, volendo, anche se non c’è connessione».

Notizie
28/11/2014

Matite che segnano la pagina, matite che non scrivono, matite a cui si rompono le punte: scegliere la matita adatta all’uso quotidiano che se ne deve fare non è così semplice come potrebbe sembrare. E allora ecco una piccola guida per aiutare l’acquisto di matite in legno e portamine con la giusta gradazione, durezza e tatto.

Intanto occorre sapere che gradazione e durezza della mina sono indicate da una lettera o da un numero inciso sulla matita o segnalato sul portamine, e sono queste lettere e questi numeri a determinare le differenze nel tratto. Tratto che per una matita standard può essere lungo anche 56km (o una quantità media di 45mila parole, virgola più, virgola meno).

Le due scale di gradazione delle matite sono quella britannica, in lettere, e quella americana in numeri. Tuttavia fu un francese, Nicolas-Jacques Conté, a inventare la scala di gradazione e a formalizzarla (oltre che a fondare l’omonimo marchio di matite e pastelli). Conté usava i numeri ripresi dagli americani, che per questioni di brevetto si moltiplicarono in una serie di frazionamenti tutti però equivalenti (4/8 e 5/10 son sempre 2).

La scala numerica americana è approssimativamente equivalente a quella inglese, che parte dalle lettere H (hard, duro) e B (black, nero) per trovare gradazioni intermedie e ulteriori: HHH è una matita particolarmente dura, BBB particolarmente morbida, HB è una via di mezzo simile alla F, che sta per fine point, punto giusto, durezza ideale.

Quindi per scegliere la matita giusta per le proprie necessità di scrittura, bisogna partire dall’uso che se ne fa e dal modo in cui le si utilizza: se si calca molto e si ha un tratto pesante, sarà meglio prendere una matita con diametro 0.9 e morbida; se si scrivono appunti veloci o schizzi a disegno, meglio una punta sottile e dura; per schizzi veloci e sfumati sono ideali quelle con punta morbida e tratto più scuro, mentre per disegni di precisione quelle con punta dura e tratto più chiaro.