Come spedire un pacco in Italia e all’estero
Pubblicato il 12 March 2020

Abbiamo già parlato di come scrivere una lettera per essere certi che arrivi senza problemi al destinatario. Oggi vogliamo spiegarvi invece come spedire un pacco in maniera sicura per far sì che i nostri beni vengano trasportati senza alcun intoppo.  

Tra spostamenti, trasferimenti, regali e resi online, spedire lettere potrebbe essere diventata un’abitudine un po’ obsoleta, ma spedire pacchi di certo non lo è.  

Per far sì che vada tutto a buon fine, è fondamentale però fare attenzione a determinate cose. Ma non preoccupatevi, con i preziosi consigli della nostra guida potrete spedire in tutto il mondo senza alcun dubbio su come procedere 

Come scegliere un pacco  

Per prima cosa, è importante scegliere una scatola o un imballaggio adatto. È sempre bene assicurarsi che il cartone sia integro e senza altre etichette attaccate per sbaglio. Come quando si viaggia, è fondamentale che la valigia sia priva degli sticker che vengono usati negli aeroporti, evitando che possa per sbaglio essere inviata a un’altra destinazione. La stessa cosa vale per i pacchi da spedire.  

Un altro aspetto da ricordare è che un pacco, durante il viaggio, può attraversare condizioni metereologiche di ogni tipo; è bene quindi assicurarsi di aver scelto un materiale abbastanza resistente in caso di pioggia, ecc. 

Ma la caratteristica più importante di un pacco è che sia resistente agli urti. I pacchi spediti vengono trasportati e maneggiati diverse volte al giorno; è fondamentale quindi che siano resistenti e che arrivino a destinazione sani e salvi.  

 uomo che porta pacco

Come imballare un pacco 

Per l’imballaggio vero e proprio, è necessario assicurarsi che la merce all’interno sia posizionata in maniera sicura, proteggendola con un involucro a bolle d’aria se è fragile. Qualora si desideri spedire bottiglie di vetro, ad esempio, alcune compagnie private di spedizione non accettano bottiglie che non siano correttamente posizionate in contenitori o cassettine di polistirolo.  

In generale, è essenziale applicare il buon senso per capire com’è meglio imballare gli oggetti da spedire. Se, ad esempio, si devono inviare dei vestiti con dei liquidi, è bene proteggere i vestiti avvolgendoli in un materiale resistente all’acqua e proteggere i liquidi con un involucro bolle d’aria per evitare che si rompano.  

È sempre meglio scegliere un pacco che non sia troppo grande per gli oggetti da spedire. Dovrebbe essere capiente quanto basta per raccogliere tutti gli oggetti senza lasciare spazi aggiuntivi che potrebbero causare scossoni e danneggiarne il contenuto 

Infine, una volta scelto il pacco e l’imballaggio adeguato, è fondamentale assicurarsi di chiudere la scatola con un nastro professionale per imballi e che venga correttamente applicato per non lasciare aperta nessuna fessura  lato che potrebbe aprirsi in transito. Come si suol dire melius abundare quam deficere: raccomandiamo quindi di utilizzare molto nastro!  

Come spedire un pacco 

Che si spedisca un pacco tramite poste italiane o con un corriere privato, è importante informarsi precedentemente su eventuali requisiti e merci vietate, sia dalla compagnia di spedizione che dal Paese/regione verso cui si sta spedendo.  

Per quanto riguarda le tariffe, si consiglia inoltre di controllare preventivamente i prezzi delle spedizioni con le poste per evitare brutte sorprese e decidere qual è il servizio più adatto alle proprie esigenze.  

Prepararsi prima è fondamentale, soprattutto se ci si sta interrogando su come spedire un pacco all’estero, in quanto le regole imposte da altri Paesi, nonché le restrizioni doganali, potrebbero darci dei bei rompicapi in caso di problemi.  

 donna che apre pacco

Come scegliere i francobolli  

Per un pacco piccolo e leggero o una lettera, sarà sufficiente un semplice francobollo. A tal proposito, è bene informarsi sui diversi tipi, per essere sicuri che la nostra spedizione vada a buon fine. Esistono due tipi di francobolli e tre zone: 

  • Francobollo B – per la posta ordinaria nazionale fino a 20 g di peso  
  • B zona 1 – per la posta ordinaria internazionale destinazione Europa e Mediterraneo fino a 20 g di peso 
  • B zona 2 – per la posta ordinaria internazionale destinazione Africa, America e Asia fino a 20 g di peso 
  • B zona 3 – per la posta ordinaria internazionale destinazione Oceania fino a 20 g di peso 
  • B 50 g – per la posta ordinaria nazionale, dai 20 g ai 50 g 
  • B zona 1 – 50 g – per la posta ordinaria internazionale destinazione Europa e Mediterraneo, dai 20 g ai 50 g 
  • B zona 2 – 50 g – per la posta ordinaria internazionale destinazione Africa, America e Asia, dai 20 g ai 50 g 
  • B zona 3 – 50 g – per la posta ordinaria internazionale destinazione Oceania, dai 20 g ai 50 g 
  • Francobollo A – per la posta celere. Le zone restano le stesse del francobollo B, con un incremento del prezzo dato che si tratta di un servizio veloce. 

Come rintracciare un pacco 

Conosciamo tutti quella sensazione di spedire un oggetto di valore, sia oggettivo sia sentimentale, e sperare con tutto il cuore che arrivi. Fortunatamente molti servizi offrono il tracking, un servizio di tracciamento che ci informerà passo passo del tragitto compiuto dal nostro pacco e del tempo che impiegherà per essere consegnato. È bene accertarsi di aver pagato per un servizio che offre il numero di tracciamento e in tal caso, di tenerlo al sicuro e di non perderlo. Ciò è particolarmente importante per spedizioni di un reso online, nel caso in cui il pacco vada perso. In casi simili infatti, molti retailer online riusciranno a utilizzare il numero di tracciamento e, si spera, a risolvere la situazione.  

Speriamo che questa guida vi abbia fornito tutte le informazioni di cui avete bisogno per spedire pacchi in completa sicurezza ovunque nel mondo!