Cosa non fare dopo un licenziamento
Pubblicato il 4 March 2019

Un licenziamento – collettivo o individuale – è sempre un momento molto traumatico nella vita professionale di una persona: oltre agli innegabili problemi pratici che comporta, ci sono tantissime ripercussioni psicologiche di cui tener conto. Panico, rabbia, sconforto, sfiducia, depressione, ansia sono solo alcuni dei sentimenti che si possono far strada nella propria mente dopo un licenziamento e che possono portare a gesti e azioni controproducenti per sé e per le possibilità di trovare un altro lavoro nel futuro. Ora, anche considerando un periodo più o meno breve di pianto e rabbia – perché sfogarsi è legittimo e anche catartico – ci sono alcune cose da non fare dopo aver ricevuto la notizia del proprio licenziamento. Perché per quanto sia difficile vedere qualcosa di positivo in quella situazione, bisogna evitare che le cose possano andare ancora peggio.

Cosa non fare dopo un licenziamento

La prima cosa da non fare dopo un licenziamento è pensare necessariamente che questo ci riguardi come persona: ci sono logiche, nelle aziende, che vanno oltre e sopra le persone. Quindi sangue freddo, analisi lucida ed evitare di fare anche una sola delle seguenti azioni davvero controproducenti.

Sfogarsi sui social

Sfogarsi è legittimo e anche salutare, ma farlo sui social può essere davvero controproducente. Se proprio vuoi scrivere qualcosa, scrivi una lunga lettera, in cui elenchi tutti i tuoi motivi di rabbia, e poi stracciala o bruciala, ma non postare nulla su Facebook e simili: ormai le risorse umane e i datori di lavoro guardano i social dei loro dipendenti, e più che toglierti i sassolini dalle scarpe rischieresti di metterti in cattiva luce con il potenziale, nuovo datore di lavoro.

Perdere il controllo in azienda

Il licenziamento è un boccone amaro da digerire ma perdere il controllo con il proprio responsabile, con l’amministratore delegato, con il titolare o con le risorse umane è una pessima idea: non ti aiuta a stare meglio, non risolve la situazione e ti porta solo a farti nuovi nemici. E invece anche il tuo ex datore di lavoro che ti ha appena licenziato può diventarti utile: serve avere la lucidità di gestire con freddezza la situazione e chiedere una lettera di referenze prima di andarsene (se non al titolare, almeno al proprio responsabile). Anche i colleghi possono essere utili: per chiedere contatti, per fare networking, o chissà, un giorno, per lavorare di nuovo con loro in una veste diversa, magari di cliente o di fornitore.

Chiudersi in casa

Non c’è niente di cui vergognarsi e non c’è nulla da nascondere: chiudersi in casa per non far vedere di essere a casa dal lavoro può solo portare a qualche forma di isolamento e depressione. Anzi, è proprio davanti ai colpi bassi della vita che servono le persone care, gli amici, i parenti, e le reti sociali.

Mentire

Vedi sopra, di cui questo punto è la conseguenza: anche se sei a casa perché hai perso il lavoro e non perché sei in vacanza, non mentire. E non mentire nemmeno nei colloqui che sosterrai per trovare un altro lavoro: il mondo è piccolo, la verità emerge sempre, e la cosa più giusta da fare è raccontare sinceramente la propria versione dei fatti, in maniera piana e oggettiva.

Firmare qualunque cosa

Ecco, in un processo di licenziamento ci sono anche parecchi documenti da firmare: non fatelo subito, così di getto e in preda alla rabbia. Avete tutto il diritto di leggerli con calma, farli leggere a un esperto in diritto di lavoro, a un legale o ai sindacati, e quindi no, non firmate nulla sulla scia dell’emotività.

Buttarsi subito alla ricerca di un nuovo lavoro

Sì, certo, è il primo pensiero di chiunque, per ovvi motivi pratici e psicologici. Ma non è una buona idea: prima è meglio lasciar sedimentare l’emotività, guardarsi all’interno, pensare alla propria carriera, a ciò che si sa fare e a ciò che si vorrebbe fare, a dove e come si sarebbe felici e realizzati dal punto di vista professionale. Può bastare anche qualche giorno, una settimana di tempo, per pensare a se stessi dal punto di vista professionale: il tempo è davvero soggettivo ma prenderselo per uscire dalla tempesta emotiva e razionalizzare il proprio percorso professionale è, paradossalmente, un lusso che raramente capita nella vita.