Il fascino senza tempo dei taccuini Moleskine
Pubblicato il 14 November 2014

Nero, copertina rigida, carta color avorio. In una parola: essenziale. Anche se ora ne esistono di formati, colori e declinazioni le più varie, il taccuino Moleskine originale è così, con alcune inconfondibili caratteristiche (pagine rilegate a punto refe, angoli arrotondati, nastro segnalibro, elastico di chiusura e tasca interna a soffietto) che l’hanno reso un oggetto di culto e un prodotto di successo in tutto il mondo.

E il fatto che sia tra i più gettonati regali di Natale o gadget aziendali, nella forma di agenda, taccuino, quaderno, guide di viaggi o album arriva al termine di una storia curiosa, interessante e coraggiosa. Storia che nasce nel 1997 negli uffici di un piccolo editore di Milano (Modo & Modo) che riscopre e recupera il formato dei taccuini usati da artisti e intellettuali dell’Ottocento nonché da Bruce Chatwin: l’esploratore e viaggiatore ne parla nel suo libro “Le vie dei canti” raccontando di come avesse scoperto dal suo cartolaio in Rue de l’Ancienne Comédie a Parigi che l’ultimo produttore, una piccola azienda di Tours a conduzione familiare, aveva interrotto la produzione, in seguito alla morte del proprietario.

Così nasce la prima produzione di Modo & Modo, che nel 1997 è di 5000 pezzi: oggi, secondo la rivista tedesca Brand Eins, i taccuini Moleskine sono distribuiti in 53 paesi, attraverso 14.000 punti vendita, ad un pubblico di appassionati che ha dato vita nel tempo a una vera comunità di fan.