La pausa pranzo in ufficio dopo il Coronavirus
Pubblicato il 18 May 2020

Con la Fase 2 e il quasi ritorno alla normalità per molti lavoratori si pone ora il tema della pausa pranzo in ufficio. Un momento che in epoca pre-Coronavirus era sinonimo di relax e convivialità e che ora potrebbe presentare non pochi problemi e diventare fonte di stress: le regole di distanziamento sociale e quelle di contenimento del contagio infatti potrebbero mettere a dura prova la gestione dei momenti dedicati al pasto, dalla mensa aziendale a ristoranti e bar esterni, dal delivery alla schiscetta portata da casa. Allora proviamo a vedere come sarà la pausa pranzo in ufficio nella nuova fase della convivenza con il COVID-19.

Pausa pranzo in ufficio: il ritorno in mensa

Le mense riapriranno, ma poco o nulla sarà come prima. Intanto il distanziamento ai tavoli, per chi consumerà il pasto nella sala mensa: potrebbero comparire i divisori in plexiglass ma anche essere prevista una riduzione della capienza del locale, per esempio prevedendo un posto a sedere ogni 3, con un andamento a scacchiera. Questo ovviamente dilaterà i tempi per l’accesso alla mensa e la fruizione del pasto, motivo per cui l’orario di pausa potrebbe diventare flessibile o prevedere dei meccanismi di prenotazione. Alcune società che si occupano di ristorazione collettiva stanno implementando App tramite le quali prenotare il proprio orario e il proprio menu in modo da ridurre le code in attesa e rendere tutto più snello e veloce. Anche posate, tovaglioli, condimenti e pagamenti saranno rivisti, nell’ottica delle porzioni monouso e dei pagamenti contact-less. Il tutto partendo dal presupposto che i lavoratori della ristorazione siano i primi a cui sono garantite le prescrizioni per il contenimento del contagio e che quindi pasti e oggetti siano ragionevolmente sicuri. In conseguenza di ciò potrebbero nascere nuove figure professionali, come il Covid-Manager, una specie di maitre di sala per le mense esperto in tematica di COVID-19 e in grado di dirimere le situazioni impreviste che dovessero presentarsi.

Il pasto in ufficio alla scrivania

Siccome non è possibile mangiare indossando la mascherina, potrebbero esserci dei casi in cui sia consentito consumare il pasto alla propria scrivania, e allora tramite App o qualche altra forma di prenotazione si comunica il menu desiderato e l’ora di ritiro (oppure di consegna alla propria postazione). Però il pasto alla scrivania è anche la normalità per tantissimi lavoratori, soprattutto nelle aziende e negli uffici meno organizzati, e tra schiscetta portata da casa, delivery o acquisto negli esercizi di zona si potrebbero creare non pochi problemi. Il primo ovviamente è quello della condivisione degli spazi: in molto uffici c’è (o c’era…) un’area kitchen in cui consumare il pasto in compagnia (peraltro, era anche un ottimo momento di brainstorming e socializzazione) ma ora sarà necessario mantenere le distanze e prevedere la sanificazione di ogni posto (dalla sedia al tavolo e fino a microoonde e altri oggetti) dopo ogni uso. E se la schiscetta da casa l’abbiamo già a portata di mano, diverso è il caso di chi deve comprare il pasto giorno per giorno. Ma come sempre dai problemi nascono anche le opportunità e per esempio sono già comparse delle start-up come Streeteat con Delò che installano dei locker negli uffici e consegnano i pasti, sempre prenotati online, all’ora desiderata e all’interno di uno specifico locker, di modo da azzerare l’interazione tra le persone. Una tendenza a cui potrebbero adeguarsi anche gli esercenti di prossimità prevedendo dei veri e propri lunchbox da consegnare negli uffici.

Pausa pranzo all’aperto durante il Coronavirus

In tutto ciò è anche primavera, e davanti a noi c’è l’estate, e la pausa pranzo al parco o al giardinetto è il grande classico di tantissime persone: ma su questo saranno i sindaci, con le loro disposizioni, a dire cosa sarà possibile fare da qui in avanti.